Ultima modifica: 7 Giugno 2021

Comunicati stampa

Patente di Smartphone

image.png



Per tutto l’anno scolastico che è ormai agli sgoccioli, il Convitto Nazionale “Carlo Alberto” di Novara, e nello specifico la Scuola Secondaria di i grado, ha aderito ad una serie di progetti utili alla crescita dei ragazzi ed al monitoraggio delle attività digitali di questi ultimi.
In conseguenza infatti della pandemia e dell’utilizzo ormai quotidiano dei tablet, è aumentato per gli studenti il rischio di incappare nei pericoli della rete.
Per limitare i pericoli legati all’utilizzo sbagliato dei dispositivi elettronici in generale, la nostra scuola ha aderito innanzitutto al progetto “Un patentino per lo smartphone” rivolto a tutte le Scuole secondarie di I Grado della provincia.
Tale progetto consiste in un percorso formativo con consegna finale di un “patentino per l’uso consapevole dello smartphone” e si pone come obiettivo il contrasto ai fenomeni del Cyberbullismo, agendo sulla consapevolezza e sul senso di responsabilità.
Vengono coinvolti tutti gli studenti delle classi prime della scuola secondaria di I grado dell’intera provincia ed i loro genitori. Infatti è prevista la firma di un patto educativo da parte dei genitori, ai quali la scuola chiede una ferma alleanza per la tutela dei ragazzi.
Nel concreto poi, personale esperto della Polizia di Stato, già attivo durante l’anno anche all’interno del nostro Istituto con interventi sulle classi terze per illustrare i pericoli legati alla droga, si è occupata in questo caso di formare i docenti referenti sul cyberbullismo di tutte le scuole del primo ciclo della provincia, offrendo loro materiali di diverso genere, utili a stimolare la riflessione dei ragazzi.
Gli obiettivi del progetto sono i seguenti:
√ Rendere consapevoli gli studenti sui rischi e sulle opportunità che presentano gli strumenti lo smartphone
√ stringere un’alleanza operativa con le famiglie in tutela dei ragazzi

Nel nostro Istituto questo progetto ha avuto un riscontro estremamente positivo da parte delle famiglie ed un grande interesse da parte dei ragazzi che hanno partecipato alle diverse attività con grandissimo entusiasmo tant’è che quasi la totalità dei ragazzi ha superato l’esame finale ed ottenuto il patentino dello smartphone.
Le attività si sono svolte, nelle nostre classi prime, nelle prime due settimane di maggio.
Il 3 giugno ha avuto luogo invece, in maniera virtuale, l’evento di chiusura con la condivisione digitale in rete dei prodotti realizzati dai ragazzi delle diverse scuole.
In questi giorni la referente del cyberbullismo per il nostro Istituto, prof.ssa Tiziana Rampi, si è incaricata di andare a ritirare i patentini che verranno poi consegnati ai ragazzi.
Nella giornata di martedì 8 giugno, alla presenza di una rappresentanza di agenti del Nucleo Tutela e Sicurezza della Polizia Locale e del nostro Dirigente, dott. Nicola Fonzo, avrà luogo la consegna del patentino per lo smartphone ai nostri ragazzi.
Per loro è sicuramente un grande traguardo  poiché che arrivano da un periodo molto difficile e questo momento rappresenta sicuramente un inizio di ritorno alla normalità e ad una realtà più positiva e serena.
Concludo con un pensiero del nostro Dirigente tratto dalla lettera che in data odierna ha inviato, in data odierna, ai genitori di tutti i nostri ragazzi:
“Dobbiamo prenderci tutti (a prescindere dal ruolo) la responsabilità di generare pensieri nuovi. Questo sarà possibile solo se produrremo pensieri collettivi, capaci di avere le stesse rappresentazioni, interpretate da differenti punti di vista. Sarà responsabilità nostra e vostra. Ognuno deve poter sentire che è chiamato in causa in prima persona, non lasciare che siano altri a decidere, e declinare le indicazioni generali in soluzioni differenziate e particolari. Questo è l’impegno che ci siamo presi”

Prof.ssa Elena Noja. Per contatti elena.noja@convittonovara.edu.it

………………………………………………………………………………


 Gentili giornalisti,
il Convitto Carlo Alberto sarà presente domani mattina alla manifestazione Friday for future, lo sciopero mondiale per il clima in programma anche a Novara nato dalla protesta della giovane studentessa Greta Thunberg.
In particolare  parteciperanno alla manifestazione le classi del ciclo Montessori della scuola primaria
accompagnati dalle insegnanti
e i ragazzi del liceo scientifico ai quali non sarà richiesta la giustificazione all’assenza (previa comunicazione dei genitori alla scuola).
Grati per l’attenzione che vorrete dare alla nostra comunicazione, 
porgiamo cordiali saluti 
L’ufficio stampa